Buon Pomeriggio lettori,

una nuovissima recensione per voi scritta da @mk_bad_92 ,una delle mie tre bravissime collaboratrici.

Per acquistare “Vai tranquillo”, clicca QUì

VAI TRANQUILLO: AGI E DISAGI DI UNO STUDENTE UNIVERSITARIO

TRAMA

“Questo è il primo giorno in cui infrango il mio programma di studi, e il programma è iniziato due giorni fa. Non male direi.” La vita dello studente universitario è già dura di per sé. Se poi sei uno studente pendolare e per giunta fuoricorso, allora le cose si mettono male. Malissimo. Ad Andrea mancano quattro esami per laurearsi in Scienze Politiche, gli mancano già da un po’ a dire il vero, ma è come bloccato. Con una sorella fashion blogger, una fidanzata difficile e un gruppo di amici già laureati, gli sembra di combattere contro un invincibile Leviatano, l’Università, o forse se stesso. E si barcamena come può tra esami e bocciature, innamoramenti sul treno, il sogno di scrivere un romanzo, la paura di non laurearsi mai.

“Al prossimo esame studierò tutto, così non rischierò la bocciatura; la prossima volta che mi troverò solo con lei la bacerò: c’è sempre una prossima volta nella vita, in cui riporre le nostre speranze. Solo che molto spesso si rivela una merda, e noi inconsciamente lo sapevamo già.” Con un serrato alternarsi di momenti comici e altri commoventi, Filippo Caccamo delinea un romanzo generazionale, intenso perché vissuto sulla propria pelle, con un titolo e un finale che vogliono dire proprio questo, a tutti gli studenti bloccati, rassegnati, in crisi: che sì, ce la possono fare.

 

RECENSIONE

“Vai tranquillo” è il libro d’esordio di Filippo Caccamo, già noto come comico, attore teatrale e youtuber;  un ragazzo classe ’93 che si è laureato in Beni Culturali e che prosegue attualmente gli studi in Critica d’arte.

Il suo rapporto con l’università e il suo occhio personale sull’argomento, sono alla base tanto de “Le mille e una laurea”, il suo monologo teatrale, quanto di questo libro.

“Vai tranquillo” parla infatti della storia di Andrea, studente di 24 anni fuoricorso da due che cerca di trovare la forza interiore per raggiungere la tanto patita e agognata laurea. Fra amicizie, amori, incomprensioni, tanto stress e altrettanto affetto, Andrea troverà la spinta che gli serve per raggiungere i suoi obbiettivi e capire chi è veramente e cosa vuole dalla vita.51-Vve4hCAL

Attraverso la tecnica narrativa del flusso di coscienza l’autore lascia che siano i pensieri di Andrea, contorti e spesso sconnessi, a farci capire il suo stato d’animo e far evolvere la trama, permettendo al lettore di cogliere facilmente ogni piccola variazione umorale del protagonista e  di vedere il mondo dai suoi occhi, come se lo vedessimo davanti a noi, come se fossimo suoi intimi amici. Andrea è un ragazzo come tanti, con una famiglia normale, nonostante la sorella fashion blogger, con i soliti amici del bar, quelli di vecchissima data e con il classico magone tipico dell’universitario davanti alle scadenze e agli esami. E’ proprio questo suo essere uno dei tanti che fa sì che il lettore si appassioni alle sue vicende, perchè le capisce e riesce a immedesimarcisi. Andrea è un po’ tutti noi, l’antieroe un po’ sfortunato che insegue il suo sogno.

“Vai tranquillo” è un romanzo breve e scorrevole che si legge tranquillamente in una giornata, ma nonostante la sua leggerezza, in poche pagine ti lascia qualcosa su cui riflettere. E’ un libro pensato per universitari e che, essendo scritto da uno studente, dialoga splendidamente coi loro dubbi e le loro ansie. Una volta letta l’ultima riga inizi a chiederti come sta realmente procedendo la tua vita scolastica : ti stai illudendo che vada tutto bene? Ti stai sottovalutando? Stai davvero dando il tuo massimo? Ma soprattutto, stai davvero indirizzando la tua vita dove vuoi che vada?

Filippo Caccamo in questo suo primo, e personalmente mi auguro non ultimo romanzo, mostra una grande sensibilità regalandoci con semplicità e scorrevolezza una storia reale che accomuna più o meno tutti con un personaggio fragile, ma che riesce a trovare grazie agli amici e alla famiglia la forza per non arrendersi; un ragazzo vero, con problemi vari, ma con un obbiettivo chiaro in testa che farà di tutto per diventare il sè stesso più adulto.

Consiglio vivamente questa lettura a tutti gli universitari a prescindere che siano in pari o meno con gli esami, che siano presi da mille dubbi o certi della strada che stanno percorrendo; lo consiglio anche ai genitori per aiutarli a capire meglio il groviglio di pensieri che i loro figli possono avere per la testa, rinfrescandosi la memoria su come era essere al loro posto.

 

VOTO: 5 Stelline su 5

Articolo scritto da Marika Fanciullacci per @la_biblioteca_di_Stefania

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...