Buongiorno lettori,

oggi vi parlerò di “Creshire Crossing“, una nuovissima Graphic Novel edita Oscar Ink (Mondadori), interamente dedicata ad Alice, Dorothy e Wendy che ci trascinano nei loro mondi magici.

La stagione delle graphic continua e questa volta invece devo ammettere che non mi ha fatto impazzire come credevo. CRESHIRE CROSSING esce oggi in tutte le librerie fisiche e online, quella di oggi è una recensione inclusa nel review party organizzato insieme alle ragazze della Squad.

Già del banner vi potete fare un’idea dei colori brillanti e molto belli utilizzati dall’illustratrice! Come al solito vi lascio il banner Amazon, successivamente la trama e la recensione.

CRESHIRE CROSSING

TRAMA

Sono passati anni da quando Alice, Dorothy e Wendy hanno compiuto i loro favolosi viaggi nel Paese delle Meraviglie, a Oz e sull’Isola-che-non-c’è. Ora eccole qui, ormai adolescenti, a Cheshire Crossing: una scuola molto speciale dove impareranno a gestire le loro straordinarie esperienze e il loro dono di attraversare mondi magici. Ma proprio non sanno starsene buone buone sedute al banco, e iniziano di nuovo ad attraversare le dimensioni, lasciandosi dietro una scia di caos completo. E se fosse solo un po’ di confusione il problema, poco male. Il fatto è che, senza volerlo, fanno incontrare la malvagia Strega dell’Ovest e Capitan Uncino, unito ora in una coppia davvero diabolica. Per fermarli le tre ragazze dovranno fare ricorso a tutti i loro poteri e mettere insieme una squadra di improbabili alleati da tutto il multiverso! “Cheshire Crossing” è un viaggio vertiginoso, divertente e sconfinato attraverso i classici della letteratura e i loro mondi fantastici come non avete mai osato immaginarli.

RECENSIONE

Creshire Crossing, una bella delusione per me.

Non posso farci nulla, questa storia non è riuscita a fare breccia nel mio cuore e vi spiego i motivi di questa mia recensione negativa (con qualche punto positivo). Con entusiasmo ho voluto leggere la nuova graphic novel edita Mondadori, questo tipo di lettura solitamente è un momento di stacco dalle storie più complesse e articolate che si trovano nei romanzi. Purtroppo non ho avuto modo di apprezzare questa storia perché la ritengo piuttosto confusionaria e spesso “frettolosa”. L’idea di base può essere considerata come originale e intrigante, un salto nei mondi più magici che conosciamo, ma questo purtroppo non basta per costruire una storia appassionante.

Le caratteristiche caratteriali di Alice, Dorothy e Wendy vengono totalmente stravolte, le ragazze sembrano essere tutt’altro, non ho capito questo cambio di personalità soprattutto nel personaggio di Alice (davvero infantile ed insopportabile). Un vero peccato perché ci vengono presentate protagoniste che in realtà non conosciamo, delle nostre eroine rimane davvero poco e niente, sono stati presi in prestito i nomi e le ambientazioni ma per il resto questa graphic non rispecchia le storie vere di Alice, Dorothy e Wendy. “Sono passati anni da quando Alice, Dorothy e Wendy hanno compiuto i loro favolosi viaggi nel Paese delle Meraviglie, a Oz e sull’Isola-che-non-c’è. Ora eccole qui, ormai adolescenti, a Cheshire Crossing: una scuola molto speciale dove impareranno a gestire le loro straordinarie esperienze e il loro dono di attraversare mondi magici.” La trama ci parla di tre ragazze adolescenti, sicuramente è un periodo importante che cambia il carattere della persona, anzi è un periodo di formazione, forse potrei accettare lo stravolgimento caratteriale per questi motivi, ma la trama mi promette una scuola speciale. Scuola? Direi che oltre due o tre tavole non ho trovato nulla di questa fantomatica scuola, piuttosto un’ospedale (?). Diciamo che non c’è una coerenza con la trama.

Manca una coerenza nella storia, mancano informazioni fondamentali. Insomma non ci sono le basi per dire che questa sia una graphic con una trama.

Inoltre le avventure che ci vengono proposte sono davvero molto confusionarie e spesso ho fatto fatica a raccapezzarmi tra un mondo e un altro.

Aspetto positivo? I DISEGNI, i colori e il lavoro grafico. Ci troviamo davanti una bellissima storia da vedere. Le ragazze sono stupende e ogni tratto e loro espressione viene rappresentata al meglio. I disegni parlano, i personaggi invece no. I colori utilizzati sono piacevoli e coerenti, spero in un cambio di rotta in un eventuale secondo volume per la storia, ma mi piacerebbe che si mantenesse lo stesso stile per la grafica.

Nel complesso mi sento di dare 2 stelle per premiare il lavoro grafico.

Classificazione: 2 su 5.

Grazie per aver letto questa recensione!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...