Cari Lettori,

nuovo giorno equivale a una nuova recensione, quella di oggi è una tra le più attese e richieste dell’anno. Vi parlo di “Loveless” il nuovo successo di Alice Oseman, autrice che ormai conoscete benissimo e per cui ho un piccolo debole. Il suo romanzo è edito Mondadori, casa editrice che ha curato e sta curando la pubblicazione della serie HeartStopper (che personalmente adoro).

Ringrazio la casa editrice per avermi inviato la copia digitale di Loveless e Alessia per aver organizzato questo piccolo tour.

Come sempre vi lascerò il banner Amazon, cliccandoci sopra potrete leggere una piccola anteprima gratuita di Loveless di Alice Oseman.

LOVELESS

TRAMA

Georgia ama le storie d’amore. Tutte. Da sempre. E crede nella magia dell’amore raccontata nei film, nei libri e nelle fanfiction romantiche da cui è ossessionata. Eppure, a diciotto anni, non ha mai baciato nessuno e non ha mai avuto nemmeno una cotta di quelle folli. Ma, come le dicono i suoi migliori amici Pip e Jason, prima o poi anche lei troverà la persona giusta. Così si dice, no? L’inizio dell’università, in una città che non conosce, lontana da casa, sembra l’occasione perfetta: incontrerà persone nuove, vivrà nuove esperienze e finalmente anche lei imparerà a godersi le farfalle nello stomaco di cui parlano tutti. E poi Georgia ha un piano. Con l’aiuto della sua esuberante compagna di stanza Rooney, che come lei ha una passione smisurata per Shakespeare, riuscirà a realizzare il suo sogno, forse. Ma quando finisce in mezzo a una personalissima commedia degli errori che crea il caos tra i suoi amici di sempre, Georgia inizia a domandarsi perché l’amore sembri così facile per tutti tranne che per lei. Quando poi le appioppano definizioni mai sentite come asessuale o aromantica, incertezza e confusione aumentano a dismisura. Che sia davvero destinata a restare senza amore? O forse, per tutti questi anni, si è tanto affannata a inseguire la cosa sbagliata? E poi, chi lo dice che quello romantico, alla fine, sia l’unica forma possibile di vero amore? Una storia delicata e intensa di identità e accettazione che farà breccia nel cuore dei lettori e che conferma il talento cristallino di Alice Oseman, un’autrice dalla voce rara e autentica.

RECENSIONE

LOVELESS, quanto ti ho aspettato?

Con emozione scrivo queste righe di recensione, sono veramente contenta di aver affrontato questa lettura perché seguo questa uscita dal giorno in cui è stata annunciata. Dal giorno zero, quando ancora non sapevo nemmeno di cosa parlasse la trama, io ero attratta da questa storia. Non è stata la cover ad attirarmi o le recensioni lette, sono stata spinta a voler affrontare questa lettura dalla fiducia che ripongo in questa autrice.

Alice Oseman parla ai suoi lettori usando termini semplici e quasi elementari, è molto chiara nelle cose che vuole comunicare e non si perde in chiacchiere quando ha da dire qualcosa di importante. Ho letto Loveless proprio per questo, perché ero convinta che Alice Oseman aveva da comunicare qualcosa e che con pochi fronzoli avrebbe lanciato un messaggio forte e chiaro. Convinzione maturata dopo la lettura di HeartStopper, una graphic novel dolcissima che mi ha fatto affezionare ai personaggi così tanto che li sento vicini come se fossero miei amici.

Avevo delle perplessità riguardo la riuscita del romanzo, la Oseman l’avevo conosciuta solo per la graphic novel e sinceramente un po’ di paura riguardo lo stile l’ho percepita. Paura infondata perché la fiducia che le avevo dato non si è rivelata infondata. Loveless è un YA, che però conserva la genuinità e lo stile dell’autrice. Quindi la cara Oseman sa ancora una volta il fatto suo e ci delizia con una storia che si fa divorare in poco tempo.

Loveless parla di amore, amicizia, di vita e società; ci porta a leggere di amore in tutte le sue sfaccettature, ci porta a riflettere sull’uguaglianza e sulla vita in generale. So benissimo le tematiche trattate da Alice Oseman e so altrettanto bene che nel panorama letterario, lei è tra le poche a parlarne con semplicità. Non c’è niente di sbagliato nell’amore, non ci può essere differenza o discriminazione; mentre in Heartstopper vol 3 credo che abbia abusato della tematica (arrivando a un momento di saturazione totale), in Loveless non si arriva mai a quella sensazione di “troppo”.

Georgia, la protagonista del libro, è in cerca della svolta e di quel senso di completezza che alla fine dell’adolescenza pervade un pò tutti. Mi ha fatto capire tanto, mi ha emozionato e portato a guardare con occhi aperti la società che mi circonda. Conosco i limiti del nostro modo di pensare le cose, ho sempre capito il punto di vista altrui, ho ascoltato da lontano senza intromettermi, ma sicuramente l’ho fatto sbagliando. Sono convinta di ciò perché non mi limiterò a guardare da lontano, ma mi impegnerò ad agire.

Ho apprezzato un po’ tutti i personaggi in verità, ognuno di loro ha qualcosa da insegnare o riesce comunque a farsi comprendere. Mi piace tanto il senso d’amicizia che Oseman infonde con le sue storie.

Un romanzo che sicuramente fa crescere.

Classificazione: 4.5 su 5.

Grazie per aver letto la mia recensione.

Vietata la riproduzione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...