Buon pomeriggio lettori,

una nuova recensione per voi!

MORE LOVE

Potete acquistare il libro cliccando ->QUì

 

TRAMA

51t4oiMzOWL._SX324_BO1,204,203,200_Travis Ward, agente di Polizia dal passato turbolento, deve fare luce su una serie di inquietanti omicidi commessi a New York. Non vi è alcun senso logico dietro alle azioni di un killer silenzioso e implacabile che lascia dietro di sé vittime senza alcun legame apparente, accostando le loro morti a delle macabre note musicali.
Quando Travis Ward incontra l’affascinante detective Renesmee Cooper, tutto cambia. Il cerchio si stringe intorno al colpevole e i loro destini si intrecciano a tal punto da diventare quasi indistinguibili…

 

RECENSIONE

Poche cose molto mirate su questo romanzo, in cui pregi e difetti riescono quasi ad annullarsi a vicenda, regalando al volume una valutazione positiva.

Senza soffermarmi sulla trama, parto già in quarta dicendo che Stefano ha molto potenziale, palpabile in tutto il suo scritto; l’inesperienza, forse, ha giocato un brutto scherzo, tendendo tranelli qua e là che non sono stati evitati. Primo tra tutti, la caratterizzazione dei personaggi: ho trovato parecchio stereotipato Travis Ward, solito belloccio e uomo misterioso, che, proprio a causa di un passato oscuro e complesso, decide di arruolarsi in polizia; Renesmee, la nuova arrivata nel dipartimento, una bellezza da mozzare il fiato e degli occhi blu ghiaccio capaci di stregare anche un ipovedente, che percepirà subito l’elettricità creatasi tra lei ed il bel poliziotto suo collega. Inoltre, ho trovato i comportamenti dell’intera equipe (Travis, Renesmee ed altri tre agenti) molto poco professionali, con scatti d’ira e commenti sarcastici decisamente poco adatti all’ambiente di lavoro.

Per il resto, però, seppur poco approfonditi, i tre colleghi poliziotti che affiancano i due protagonisti nelle indagini non mi sono dispiaciuti.

Un altro punto che mi piacerebbe sottolineare è la presenza di brevi sezioni introspettive all’inizio di ogni atto (il libro, infatti, è suddiviso in capitoli, che, a loro volta, si suddividono in atti): in queste parti, i personaggi si lanciano in riflessioni sulla vita, sul mondo, meditazioni che, anche se descritte come pure elucubrazioni dei protagonisti, altro non sono che i pensieri dell’autore, che sembra voglia mostrarsi saggio e meditativo agli occhi dei suoi lettori. Quanto questo fosse il suo obiettivo, non saprei; potrei sbagliarmi completamente, ma ciò che ho detto è quanto le righe mi hanno trasmesso.

Passando ora agli aspetti positivi, ho apprezzato moltissimo gli atti dedicati al nostro assassino, che parla, si confida, riflette sulle sue azioni e sulla sua storia, e trova conforto su una persona che al lettore rimarrà ignota fino alle pagine finali del romanzo. Il lettore non capirà davvero nulla fino agli ultimi atti, e la suspense creata lo coinvolge a tal punto che gli sarà veramente difficile posare il libro sul comodino!

E ora veniamo al titolo; perché “More love”, più amore? Perché è questo sentimento il vero protagonista del romanzo: amore, talmente complesso e sfaccettato che sarà proprio lui il movente degli omicidi.

E che dire del finale interattivo? Un colpo di genio totalmente inaspettato, che ha chiuso in bellezza un thriller accattivante e che vale la pena di essere letto.

Il mio voto: 4 stelline su 5

Ringrazio la @bookabook_it per avermi fornito la copia.

Potete acquistare il libro cliccando ->QUì

Articolo scritto da Federica Franca per @la_biblioteca_di_Stefania

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...